Disturbi apprendimento e enuresi

Il problema ha una forte componente ereditaria e riguarda bambini di almeno 5 anni. L’enuresi può manifestarsi in maniera continua, se si presenta ogni notte, o saltuaria se ci sono episodi di risveglio asciutti. Quando il bambino risulta incontinente per almeno sei mesi, in assenza di un precedente apprendimento, parliamo di enuresi primaria. Il presente disturbo può presentarsi in comorbidità con: disturbi linguistici, disturbi del sonno, disturbi dell’apprendimento e disturbi emotivo-comportamentali. La componente psichica del bambino enuretico è notevolmente coinvolta e costantemente sotto pressione.

I disturbi dell’apprendimento sono condizioni nelle quali risulta specificamente compromessa la capacità di apprendimento della lettura (dislessia), della scrittura (disgrafia e disortografia) o del calcolo (discalculia), in assenza di deficit intellettivi, neurologici o sensoriali e. In una parte dei bambini con Enuresi sono anche presenti ritardi nello sviluppo che includono ritardo dell’eloquio, del linguaggio, dell’apprendimento e delle capacità motorie. Possono anche essere presenti Encopresi, Disturbo da Sonnambulismo, Disturbo da Terrore nel Sonno. Il disagio psicologico conseguente l’enuresi riguarda soprattutto le limitazioni dei momenti sociali del bambino che tenderà a ritirarsi e isolarsi. Si verifica in genere un forte senso di vergogna e il rifiuto a partecipare ad attività che comportano l’uscita dall’ambiente familiare e il pernotto fuori casa.

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) si presentano in circa un bambino ogni 25 e sono caratterizzati da una difficoltà ad imparare che riguarda uno o pochi aspetti dell’apprendimento. Il disturbo più noto e studiato è la Dislessia, cioè l’incapacità di leggere in modo rapido ed accurato. Sono bambini che inizialmente faticano ad accoppiare il fonema al grafema, cioè il suono della lettera al segno grafico che la rappresenta e. L’Enuresi è un disturbo che consiste nell’emissione involontaria di urina in bambini di età superiore a 5-6 anni, in assenza di lesioni dell’apparato urinario. Si distinguono due forme di Enuresi: Enuresi Primaria, dove il bambino non ha mai acquistato il controllo della vescica;L’Enuresi può avere conseguenze sul piano sociale, comportando per il bambino la derisione da parte dei compagni di gioco o di scuola e anche nel contesto familiare potrebbe patire l’incomprensione e la riprovazione, cause di mortificazioni e sofferenze psicologiche. LATERALITA’ Per lateralità si intende l’insieme delle predominanze particolari dell’una o dell’altra parte simmetrica del corpo, a livello di mano, piede, occhio, orecchio; per lateralizzazione si intende il processo attraverso il quale si sviluppa la lateralità. Tale processo è connesso con l’organizzazione, da un lato dello schema corporeo, dall’altro dello spazio e […]

Disturbi apprendimento e enuresi

Il disagio psicologico conseguente l’enuresi riguarda soprattutto le limitazioni dei momenti sociali del bambino che tenderà a ritirarsi e isolarsi. Si verifica in genere un forte senso di vergogna e il rifiuto a partecipare ad attività che comportano l’uscita dall’ambiente familiare e il pernotto fuori casa. I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) si presentano in circa un bambino ogni 25 e sono caratterizzati da una difficoltà ad imparare che riguarda uno o pochi aspetti dell’apprendimento. Il disturbo più noto e studiato è la Dislessia, cioè l’incapacità di leggere in modo rapido ed accurato. Sono bambini che inizialmente faticano ad accoppiare il fonema al grafema, cioè il suono della lettera al segno grafico che la rappresenta e. L’Enuresi è un disturbo che consiste nell’emissione involontaria di urina in bambini di età superiore a 5-6 anni, in assenza di lesioni dell’apparato urinario.

Si distinguono due forme di Enuresi: Enuresi Primaria, dove il bambino non ha mai acquistato il controllo della vescica;DISTURBO DA ENURESI. Consiste nell’emissione di urina giorno o notte in orari e luoghi considerati socialmente inadeguati quando il bambino è già abbastanza grande da aver acquisito un controllo adeguato sulla vescica urinaria e senza l’esistenza di patologia organica che il determinareValutare la presenza di fattori che possono contribuire all’enuresi, quali: scarsa igiene, difficoltà nello sviluppo, disturbi di apprendimento, disturbi comportamentali e psichici, problemi familiariL’encopresi è una malattia che rientra tra i disturbi dell’evacuazione, insieme all’enuresi. Queste anomalie sono caratterizzate dall’incapacità di controllare l’emissione di feci o di urina a un’età in cui il bambino dovrebbe già essere in grado di farlo.

In particolare, l’encopresi definisce l’incapacità del bambino di controllare l’evacuazione. I Disturbi dell’apprendimento principali sono: la Dislessia, la Discalculia e la Disgrafia. Disturbi della comunicazione: caratterizzati da difficoltà nell’area del linguaggio. I più importanti sono: il Disturbo dell’espressione del linguaggio, il Disturbo della fonazione, la Balbuzie. Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione: caratterizzati da un comportamento alimentare anomalo e disturbato.

Tali interventi possono essere responsabili dell’insorgenza di conflitti neurofisiologici nell’ambito delle molteplici e complesse funzioni emisferiche e determinare disturbi del linguaggio (spesso balbuzie), strabismo, errori di lettura e scrittura, disturbi a carico della sfera affettiva e comportamentale come: timidezza, insicurezza, instabilità o irrequietezza psicomotoria, iperemotività, enuresi, onicofagia, tics, aggressività e talora veri e. Disturbi funzionali urinari Questa problematica comprende un’ampia gamma di disturbi per lo più diurni anche correlati all’incompleta maturazione vescicale. Enuresi notturna Non è una malattia ma una condizione multifattoriale, spesso su base famigliare, che riguarda il 15% dei bambini intorni ai 5. Dunque l’enuresi e l’encopresi, talvolta, sono segnali che indicano dei momenti di difficoltà psicologica talvolta associata e conseguente ad eventi della vita quotidiana, quali: la nascita di un fratellino, l’inserimento a scuola, il cambiamento di scuola, un trasloco, la separazione dei genitori, un periodo prolungato di ospedalizzazione, la morte di un genitore o di un familiare ecc.

L’Enuresi è un disturbo che consiste nell’emissione involontaria di urina in bambini di età superiore a 5-6 anni, in assenza di lesioni dell’apparato urinario. Si distinguono due forme di Enuresi: Enuresi Primaria, dove il bambino non ha mai acquistato il controllo della vescica;L’enuresi si manifesta con episodi di rilascio (più spesso involontario ma anche intenzionale) di urina nel letto o nei vestiti per un tempo e una frequenza clinicamente significativi: due volte alla settimana per almeno tre mesi consecutivi. Si effettua diagnosi in bambini di età non inferiore ai 5 anni, quando plausibilmente dovrebbe essere stato. DISTURBO DA ENURESI.

Consiste nell‘emissione di urina giorno o notte in orari e luoghi considerati socialmente inadeguati quando il bambino è già abbastanza grande da aver acquisito un controllo adeguato sulla vescica urinaria e senza l’esistenza di patologia organica che il determinareI Disturbi dell’apprendimento principali sono: la Dislessia, la Discalculia e la Disgrafia. Disturbi della comunicazione: caratterizzati da difficoltà nell’area del linguaggio. I più importanti sono: il Disturbo dell’espressione del linguaggio, il Disturbo della fonazione, la Balbuzie. Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione: caratterizzati da un comportamento alimentare anomalo e disturbato.

Tali interventi possono essere responsabili dell’insorgenza di conflitti neurofisiologici nell’ambito delle molteplici e complesse funzioni emisferiche e determinare disturbi del linguaggio (spesso balbuzie), strabismo, errori di lettura e scrittura, disturbi a carico della sfera affettiva e comportamentale come: timidezza, insicurezza, instabilità o irrequietezza psicomotoria, iperemotività, enuresi, onicofagia, tics,. Per saperne di più. AID-Comitato Promotore Consensus Conference (2007), Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento: raccomandazioni per la pratica clinica di dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia, Milano- Erikson. L’encopresi è una malattia che rientra tra i disturbi dell’evacuazione, insieme all’enuresi. Queste anomalie sono caratterizzate dall’incapacità di controllare l’emissione di feci o di urina a un’età in cui il bambino dovrebbe già essere in grado di farlo.

In particolare, l’encopresi definisce l’incapacità del bambino di controllare l’evacuazione. Dunque l’enuresi e l’encopresi, talvolta, sono segnali che indicano dei momenti di difficoltà psicologica talvolta associata e conseguente ad eventi della vita quotidiana, quali: la nascita di un fratellino, l’inserimento a scuola, il cambiamento di scuola, un trasloco, la separazione dei genitori, un periodo prolungato di ospedalizzazione, la morte di un genitore o di un familiare ecc. A volte ai bambini con enuresi notturna sono associati ritardi nello sviluppo delle capacità motorie, del linguaggio e dell’apprendimento. Dati statistici sull’Enuresi. L’Enuresi è abbastanza diffusa, soprattutto fra i maschi. Può colpire dal 10 al 20% dei bambini sotto ai 5 anni, in età scolare la media si abbassa al 5/10% e nell’adolescenza al 3/1%. Il disturbo persiste in età adulta solo nell’1% dei casi.

Enuresi. Centro di Diagnosi e Trattamento dei Disturbi dell’Apprendimento I disturbi di apprendimento interessano il 4% della popolazione scolastica, pertanto è necessaria una diagnosi mirata per la loro certificazione e per il loro trattamento Si dividono in due grandi gruppi Disturbi aspecifici DSA (disturbi specifici) Il percorso diagnostico per le DSA è codificato dalla legge 170 […]

Disturbi dell’evacuazione: enuresi ed encopresi –

Centro di Diagnosi e Trattamento dei Disturbi dell’Apprendimento I disturbi di apprendimento interessano il 4% della popolazione scolastica, pertanto è necessaria una diagnosi mirata per la loro certificazione e per il loro trattamento Si dividono in due grandi gruppi Disturbi aspecifici DSA (disturbi specifici) Il percorso diagnostico per le DSA è codificato dalla legge 170 […]DISTURBO DA ENURESI. Consiste nell’emissione di urina giorno o notte in orari e luoghi considerati socialmente inadeguati quando il bambino è già abbastanza grande da aver acquisito un controllo adeguato sulla vescica urinaria e senza l’esistenza di patologia organica che il determinarePer saperne di più. AID-Comitato Promotore Consensus Conference (2007), Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento: raccomandazioni per la pratica clinica di dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia, Milano- Erikson.

Chi manifesta disturbi specifici dell’apprendimento, o DSA, ha un modo diverso di percepire i codici numerici e alfabetici, uno stile di apprendimento diverso, riconosciuto dalla legge. Disturbi dell’Evacuazione: Enuresi e Encopresi A volte, può succedere che, dopo l’acquisizione del controllo sfinterico, dopo cioè che il bambino ha imparato a fare pipì e cacca prima nel vasino e poi nel water, negli anni successivi, durante la scuola primaria o. Enuresi. L’enuresi è un’emissione completa involontaria di pipì, per lo più durante il sonno, dopo l’età in cui il controllo degli sfinteri dovrebbe essere acquisito, quindi oltre i 5 anni.

Nei bambini più piccoli bagnarsi la notte è normale poiché la vescica non ha ancora raggiunto la piena maturazione in termini di quantità di urina capace di contenere e non sono ancora del. dislessia e altri disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) disturbi dell’attenzione; deficit cognitivi conseguenti a danni cerebrali (ictus, traumi cranici, tumori cerebrali, abuso di sostanze) decadimento cognitivo dovuto a demenza (come l’Alzheimer) declino cognitivo conseguente al. Il disturbo specifico dell’apprendimento, secondo il DSM-5 (APA, 2013) è un disturbo del neurosviluppo per il quale si suppone un’origine biologica che sarebbe alla base delle anomalie a livello cognitivo associate ai sintomi comportamentali del disturbo. Ritardo mentale: patologia intellettiva permanente.

Il ritardo mentale è una patologia intellettiva permanente, tipica dell’età evolutiva, caratterizzata dalla presenza di alterazioni delle funzioni delle facoltà psichiche, mentali, cognitive, motorie e comportamentali, provocando una menomazione nel normale funzionamento sociale, familiare, scolastico, lavorativo e in tante altre aree. Per saperne di più. Il Porto di Telemaco ha una lunga tradizione teorica e clinica. È nato all’interno del gruppo di studi psicoanalitici Nausicaa che, a sua volta, è l’ultima evoluzione di uno storico gruppo bergamasco, avviato oltre 20 anni fa dagli psicoanalisti della Società Psicoanalitica Italiana, Enzo Funari e Sisto Vecchio, a cui hanno partecipato nel tempo molti stimati colleghi.

dislessia e altri disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) disturbi dell’attenzione; deficit cognitivi conseguenti a danni cerebrali (ictus, traumi cranici, tumori cerebrali, abuso di sostanze) decadimento cognitivo dovuto a demenza (come l’Alzheimer) declino cognitivo conseguente al. Disturbi dell’Evacuazione: Enuresi e Encopresi A volte, può succedere che, dopo l’acquisizione del controllo sfinterico, dopo cioè che il bambino ha imparato a fare pipì e cacca prima nel vasino e poi nel water, negli anni successivi, durante la scuola primaria o. Per quanto riguarda i pazienti più giovani, la psicologa si occupa della cura dell’enuresi, di terapie in età evolutiva, dei disturbi di apprendimento, e offre sedute di terapia familiare o di coppia. Inoltre, la psicologa è un riferimento fidato per quanto riguarda le terapie cognitivo-comportamentali, i problemi di coppia, le disfunzioni. Cura e benessere.

Psicologia; Sostegno ai genitori; Osteopatia; Naturopatia; Massaggio infantile; Scuola e Apprendimento. Scuole d’infanzia e Asili nido; Scuole Primarie; Difficoltà scolastiche e di apprendimento; Formazione. Preparazione Parto e Post-Parto. Corsi pre-parto; Corsi post-parto; Laboratori per genitori e educatori; Corsi per. Post su disturbi dell’ apprendimento scritto da marinapavesi. L’estate sta finendo, e presto riprenderanno anche le scuole. Nell’ augurarvi di trascorrere magnificamente gli ultimi giorni di vacanza vi ricordo che le attività di psicomotricità per l’anno scolastico 2014/2015 stanno per riprendere!In alcuni casi la presenza di enuresi e sonnambulismo può nascondere un problema respiratorio in sonno che può anche essere responsabile dei problemi di apprendimento. Pertanto andrebbe eseguita una polisonnografia notturna per valutare questo ed avviare el.

Il bambino e l’adolescente nel corso del ciclo di vita si trovano ad affrontare importanti compiti e delicati cambiamenti: l’ingresso a scuola, il rapporto con i pari, l’apprendimento di regole sociali, i. Possono essere correlati a molti disturbi o difficoltà sia nelle situazioni di disabilità sia in caso di semplice Disturbo Specifico di Apprendimento. Attraverso un percorso di rieducazione si può arrivare alla conoscenza del proprio valore e contestualmente rimuovere gli schemi inconsci che influenzano negativamente la vita. Sostegno Psicologico e Psicoterapia (disturbi d’ansia, enuresi, encopresi, disturbi del sonno, disturbi psicosomatici, disturbi dell’alimentazione, mutismo selettivo) Valutazione prerequisiti dell’apprendimento; Stimolazione delle abilità fondamentali per l’apprendimento scolastico (funzioni cognitive, pre-lettura, pre scrittura e pre calcolo)Ritardo mentale: patologia intellettiva permanente. Il ritardo mentale è una patologia intellettiva permanente, tipica dell’età evolutiva, caratterizzata dalla presenza di alterazioni delle funzioni delle facoltà psichiche, mentali, cognitive, motorie e comportamentali, provocando una menomazione nel normale funzionamento sociale, familiare, scolastico, lavorativo e in tante altre aree.

Lascia un commento